Accetta i cookie per visualizzare questo contenuto  

LEZIONI DI COSTITUZIONE

Camera dei Deputati

2 giugno 2016

ritSignora Presidente della Camera dei Deputati,

Signor Presidente del Senato della Repubblica,

 

l’Associazione Italiana Guide e Scout d’Europa Cattolici, che qui rappresento, vi ringrazia del gradito invito.

 

La nostra presenza qui, oggi 2 giugno 2016, ci è particolarmente gradita perché, nello stesso momento in cui celebriamo il 70esimo anniversario della nascita della Repubblica, ricorrono anche i 40 anni di vita dell’Associazione e i 100 anni di presenza dello Scautismo cattolico in Italia.

Baden-Powell, fondatore dello Scautismo, lo pensò come strumento educativo per la crescita della persona, protagonista di una cittadinanza attiva e responsabile nella comunità in cui vive. E così è stato per molti italiani, che hanno vissuto l’esperienza scout come luogo di crescita, di libertà, di impegno e di momenti felici.

 

Noi abbiamo scelto di vivere nello Scautismo perché in esso troviamo una strada che ci aiuta a diventare cittadini migliori ed essere, quindi, partecipi della crescita del nostro Paese.

 

Vivere l’Avventura nella natura, condividere con altri il cibo cucinato insieme, superare le difficoltà dei rapporti interpersonali, camminare e dormire fianco a fianco: è questa l’esperienza che viviamo nelle nostre Unità con l’aiuto dei Capi; un vissuto quotidiano che ci introduce ad assumere impegni nella vita adulta come membri partecipi della vita sociale, locale e nazionale.

rit-2

Essere cittadini è per noi prima di tutto essere pronti ad aiutare chi ha bisogno, perché possa essere parte di una comunità, soprattutto chi fa più fatica: è questo l’aspetto educativo della Buona Azione che gli scout cercano di fare ogni giorno.

 

Essere cittadini è rispettare le leggi, anche quando costa fatica: è questo l’insegnamento che riceviamo dalla Legge scout e dalla Promessa.

 

Essere cittadini è vivere con uno stile che non spreca le risorse naturali e ambientali: lo Scautismo abitua all’essenzialità, perché uno zaino pesante rende duro il cammino.

 

Essere cittadini è dare testimonianza di onestà, di rapporti leali con tutti, di rispetto per ogni persona: nello Scautismo viviamo in piccoli gruppi perché ciascuno impari a convivere con gli altri, in fraternità e prendendosi cura del più piccolo.

 

Come le generazioni che ci hanno preceduto, noi giovani Guide e Scout d’Europa italiani vogliamo contribuire affinché il nostro Paese rimanga una repubblica libera, accogliente ed un esempio di civiltà.

Come tutti i giovani sogniamo un futuro pieno di felicità e di opportunità: perché questo sia possibile ciascuno deve portare il proprio contributo per il bene comune.

 

Noi scout lo faremo con il sorriso sulle labbra e con la speranza nel cuore.

 

Concludo con i tradizionali saluti scout: Buona Caccia e Buona Strada.

Grazie a tutti.

FSE_Camera_020616 (4)